Menu
Italia / Toscana

Villa Reale di Marlia

C’è un luogo in Toscana dove il tempo si è fermato al 1800 e dove si riescono ancora a sentire i rumori delle fontane che zampillano e l’odore di rose del periodo Napoleonico. Stiamo parlando della maestosa Villa Reale di Marlia, il luogo perfetto dove rilassarsi in uno dei parchi più belli d’Italia.

facciata di Villa Reale di Marlia Capannori

Dove si trova la Villa Reale di Marlia

La Villa Reale di Marlia e il suo giardino di 16 ettari si trova a Capannori, a 10 km da Lucca. Una zona poco conosciuta della lucchesìa ricca di storia ed arte, oltre che di alcune tra le ville più belle della Toscana.

Villa Reale di Marlia: la storia

L’inizio della costruzione del complesso risale all’epoca medievale, quando era un fortilizio voluto dal Duca di Tuscia. Successivamente divenne palazzo signorile, ma fu nel 1600 che la dimora cominciò ad assumere l’odierno aspetto, con la costruzione di giardini come il Giardino dei Limoni, il Teatro di Verzura e la Palazzina dell’Orologio.

Fu Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone Bonaparte e Principessa di Lucca, a dare il contributo maggiore divenendone proprietaria nel 1806. Da questo momento il complesso si guadagnò l’appellativo “Reale” e risale a questo periodo il tocco raffinato e romantico dato ad alcuni angoli dell’immenso parco come il Giardino all’Inglese e il viale di camelie, oltre che  la facciata in stile neoclassico della Villa.

giardino dei limoni Villa Reale di Marlia Capalbio

Dopo la caduta dell’Impero Napoleonico passò di famiglia in famiglia fino a raggiungere un breve periodo di splendore con la famiglia Pecci-Blunt ed è infine stata acquistata dagli odierni proprietari, che si sono occupati del completo restauro della tenuta, interni della Villa compresi. Dal 2021 sono infatti di nuovo visitabili. 

Il parco della Villa Reale di Marlia

Teatro d'Acqua

Proprio di fronte alla Villa si inizia la visita da un vero spettacolo in piena fioritura in maggio: il Teatro d’Acqua. Come dice il nome il vero l’elemento protagonista di questa scultura è l’acqua, che sgorga da cascate in pietra tra due sculture zoomorfe e statue di divinità greche.

teatro d'acqua Villa Reale Capannori

Villa Reale di Marlia Capannori

Teatro di Verzura

Il più antico teatro naturale d’Europa, risale al ‘600, ed è un elemento tipico dei giardini all’Italiana. Ciò che lo rende unico è che le siepi siano state tagliate in modo da creare delle pareti e tutti gli elementi che costituiscono un palcoscenico! Su questo palco si è esibito Niccolò Paganini e anche oggi ospita importanti opere drammatiche e musicali. 

Giardino dei Limoni

Anche questo di impronta barocca, questo splendido giardino ospita 200 piante di agrumi in vaso. Appena varcata la soglia di questa porzione del parco ci si imbatte nella Fontana delle Tre Sirene con l’antica peschiera.

limonaia Villa Reale di Marlia

Giardino Spagnolo

Progettato negli anni ’20 questo particolare giardino si distingue per lo stile art déco, con forme geometriche le cui fontane sono alimentate da canaletti che ne delineano il perimetro.

Grotta di Pan

A questo punto del percorso si giunge all’elemento più spettacolare di tutto il giardino: la Grotta di Pan, il più antico ninfeo di tutte le ville della lucchesìa, dedicato al Dio Pan. Edificato dal Buontalenti l’ambiente imita una grotta naturale con pareti di calcare, stalattiti, rocce con al centro la scultura di Pan, affiancato da due figure marine antropomorfe. Tutt’intorno ciottoli, tufo e pietre lisce. Un vero spettacolo per gli occhi.

grotta di pan Villa Reale di Marlia Capannori

grotta di Pan Villa Reale di Marlia

Il Lago

All’estremità del parco si trova l’enorme lago artificiale da cui si ha una splendida prospettiva sulla Villa, incorniciata da salici piangenti.  L’acqua che arriva qui scorre dal teatro d’Acqua dietro la Villa, attraversa il ruscello lungo il Viale delle Camelie e e si deposita nel lago.

lago Villa Reale di Marlia Capannori

Viale delle Camelie

Pensereste mai che in un posto del genere si possano trovare le Camelie? Ebbene sì, pare che fu Elisa Baciocchi, appassionata di botanica, a portare questo fiore di origine asiatica nella lucchesìa. Vi sono più di trenta varietà qui, piantate lungo il corso del ruscello. Forse il luogo più romantico del parco quando le piante sono in fiore da marzo ad aprile.

 

La Villa Reale di Marlia

Terminato il percorso ad anello (che può anche essere fatto al contrario) si giunge alla Villa. Oggi è stata allestita per ricreare alcune stanze come apparivano in epoca napoleonica. Costituita da due piani, dall’atrio del piano superiore si accede ad una magnifica terrazza esterna dalla quale si può godere la vista sul teatro d’acqua. Ecco qua sotto una piccola anteprima dei tesori che racchiudono le stanze di questa splendida villa. A causa infatti di un divieto non meglio giustificato da parte dei proprietari, non è consentito scattare fotografie.

Camera di Elisa Baciocchi Villa Reale di Marlia

Camera di Elisa Baciocchi ©Villa Reale di Marlia

La Villa Reale di Marlia ed il suo parco si presta particolarmente ad una gita in compagnia del partener o con la famiglia grazie al suo immenso spazio verde, alle fontane nelle cui vicinanze è possibile trovare frescura nei mesi più caldi e la presenza di un patrimonio artistico di inestimabile valore.

Biglietti, orari di apertura e altre informazioni consultabili sul loro sito.

Sperando che questo luogo vi affascini almeno la metà di quanto abbia affascinato noi, buona visita!

Elena&Jacopo

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.